Fitness.com
Annuncio pubblicitario


Attrezzi per il fitness: Cardiofrequenzimetri da polso a confronto

Suunto o Polar: Chie è più vicino al polso dei tempi?

27.02.09 -



Stampa Print Page | Invia ad un amico  artikel versenden | SottoscriviRSS FeedXML Feed
Seite [   1   2   ]
Attrezzi per il fitness: Cardiofrequenzimetri da polso a confronto

Comune è nei due attrezzi la loro origine finlandese come pure un simile volume di prestazione: Tutti e due i computer dispongono di una ricevente GPS esterna, con la quale si può stabilire il percorso fatto e la velocità durante l’allenamento. Inoltre offrono particolarmente per sport di montagna una sensata misurazione d’altezza, che garantisce un controllo dei percorsi metri di altezza. Tutti e due i produttori forniscono inoltre un ampio software per allenamento compreso calendario, che rende possibile un piano di allenamento e valutazione dei dati complessivi di prestazioni al PC.

Il Suunto t6 si presenta esternamente abbastanza insignificante e si non differenzia dal punto di vista ottico quasi per nulla dai modelli più economici. Anche se il display a tre righe offre poco spazio, è però ben leggibile durante l'allenamento. Il vantaggio del non spettacolare design del t16 è nella robusta lavorazione, i pulsanti hanno un piacevole punto di pressione e l’orologio è impermeabile fino a una profondità di 100 metri. Per la connessione al PC Suunto offre un cavo USB, che tramite dei morsetti viene fissato all'orologio e rende possibile un rapido e semplice trasferimento dati al PC.

Nell’impiego durante il training il t6 funziona senza problemi, però anche all’aperto spesso dura chiaramente più a lungo dei 60 secondi postulati dal produttore prima che la trasmittente GPS capti un segnale satellitare. Inoltre il misuratore d’altezza anche dopo calibratura manuale è spesso molto impreciso. Per quanto riguarda i dati raccolti durante il training nessuno può stare al passo con la velocità del t6. Oltre alla frequenza cardiaca il computer per il training calcola anche il consumo di energia, il volume della ventilazione, assunzione di ossigeno e frequenza di respiro come anche il cosiddetto valore EPOC. Questo indica, quanto ossigeno per la completa rigenerazione è necessario e offre una misura dello sforzo del corpo dovuto al training.

Suunto offre secondo le proprie informazioni come primo produttore la possibilità, di misurare questo valore al di fuori del laboratorio nell’allenamento. In base ai presenti valori il software Suunto – abbastanza semplici dal punto di vista grafico – calcola l’effettività delle unità di training e li ordina su una scala, che va da un esiguo attraverso un conservante, migliorante e fortemente migliorante fino ad un effetto sovraccaricante. Con l’aiuto di questa suddivisione le unità di training si lasciano adattare in modo mirato e flessibile all’effetto desiderato dell’allenamento. In numerose, rappresentazioni grafiche il software Suunto rende possibile una visione precisa sull’intensità delle unità di training eseguite e sullo sviluppo della propria capacità di prestazione. La valutazione viene lasciata però in gran parte allo sportivo.


Seite [   1   2   ]
Stampa Print Page | Invia ad un amico  artikel versenden | SottoscriviRSS FeedXML Feed

Quick Links


Survey

What is your preferred workout drink?

  • Water
  • Protein
  • Power drink (ie. PowerAid, Gatorade, etc)
  • Fruit Juice
  • Pop
  • Other

Vote