Fitness.com
Annuncio pubblicitario


Anoressia: Sintomi e conseguenze dei disturbi del comportamento alimentare

Quando il desiderio di dimagrire diventa una malattia

20.03.09 - Alexander Graßhoff



Stampa Print Page | Invia ad un amico  artikel versenden | SottoscriviRSS FeedXML Feed
Anoressia: Sintomi e conseguenze dei disturbi del comportamento alimentare

Chi ha un paio di chili in più da portare in giro, spesso gli viene consigliata persino dal medico di fare una dieta, per scendere di qualche chilo. Invece se il desiderio di dimagrire, il desiderio della figura ideale diventa determinante su tutti gli altri contenuti della vita? Se l’autostima si definisce soltanto con lo sguardo alla bilancia, che in fondo mostra già quasi soltanto un peso che mette a repentaglio la vita? Disturbi del comportamento alimentare come la bulimia e anoressia sono malattie che vanno prese seriamente in considerazione. „Il vomito caratterizza la mia vita“, confessava di recente la 25 enne moderatrice Gundis Zambo ammalata di bulimia. In Italia al momento fa clamore una miss bellezza, perché molti sono dell’avviso, che sia troppo magra: La 18 enne Silvia Battisti misura 1,80 m di altezza e pesa solo 51 chili. „Anoressia“ secondo alcuni medici: „Nessun modello per giovani donne“, dicono molti. In Italia, del resto il primo paese, che ha vietato la partecipazione alle sfilate di modelle sotto i 16 anni, ha fatto scalpore una campagna pubblicitaria di una casa di moda. Il noto fotografo Oliverio Toscani ha fotografato per un cartellone pubblicitario una attrice anorressica. La campagna aveva lo scopo di scioccare, cosa che è riuscita – la donna sulla foto pesa solo ancora 31 chili, il suo corpo è segnato dalla malattia. Non è passato molto tempo da quando più modelle, che soffrivano di bulimia, a breve distanza l'una dall'altra sono morte.

Bulimia è quindi una malattia, che in ogni caso peggiora enormemente lo stato di salute del malato, in casi estremi però può persino portare alla morte. Quello che molti non sanno è, che la bulimia come anoressia è un disturbo del comportamento alimentare, i due termini non sono però sinonimi, ma rappresentano due diverse malattie. La bulemia viene anche chiamata dipendenza da cibo e vomito. Da bulimia sono colpite di gran lunga gran parte delle donne, cioè al 95 per cento. Malati di bulimia possono avere sia soprappeso che sottopeso, ma anche peso normale. Caratteristico della malattia è, che le persone colpite hanno attacchi di fame, ingurgitare tutto quello che al momento trovano. Per non ingrassare troppo, il peso viene controllato vomitando tutto quello che hanno mangiato. Ci sono però anche altri fenomeni di compensazione: Fame estrema dopo gli attacchi di fame, sport esagerato o assunzione di lassativi. In alcuni malati tra gli attacchi di fame e compensazione possono passare delle settimane, in altri si verifica giornalmente.

L’anorresia si differenzia dalla bulimia nel fatto, che essa si manifesta con una estrema perdita di peso. Come i malati di bulimia soffrono gli anoressici di una disturbata autopercezione e si ritengono ancora troppo grassi anche quando si vedono solo le ossa. Siccome si ritengono troppo grassi, digiunano, trovano conferma solo ancora nel fatto, di controllare il loro peso, cioè tanto quanto poter digiunare. L’anorressia comincia spesso nell’età giovanile, non raramente al termine di una dieta. Anche dalla anoressia sono soprattutto colpite in gran parte donne (circa 90 per cento).

Anoressia come bulimia hanno delle gravi conseguenze per lo stato fisico della persone colpüite. Accanto ai disturbi psichici come autolesionismo, isolamento sociale, complessi d’inferiorità e depressioni subentrano nella bulimia sofferenze fisiche: Essendo il bilancio energetico del corpo quasi sempre disturbato, possono derivarne aritmie, che possono essere persino mortali. Il continuo vomitare può inoltre portare all’infiammazione dell’esofago. Ancora più grave dal punto di vista delle conseguenze per il corpo è l’anoressia. A causa dell’estremo sottopeso si può arrivare alla malattia dello ossa osteoporosi (rarefazione delle ossa). Inoltre compaiono pressione del sangue bassa, rallentamento del battito cardiaco e aritmie. Inoltre il bilancio ormonale è fortemente disturbato: Gli ormoni sessuali diminuiscono, che in casi gravi porta alla infertilità.

Per poter conoscere se si soffre di un disturbo del comportamento alimentare, ci sono i seguenti criteri diagnostici: Riflettere dovrebbe chi pesa soltanto ancora 85 per cento o di meno del peso corporeo secondo l’indice di massa corporea (per il calcolatore I.M.C.).

Chi è preso da una vera e propria paura di ingrassare, è in pericolo. Inoltre i malati controllano continuamente in modo rigoroso la loro assunzione di cibo.


Stampa Print Page | Invia ad un amico  artikel versenden | SottoscriviRSS FeedXML Feed

Quick Links


Survey

What is your preferred workout drink?

  • Water
  • Protein
  • Power drink (ie. PowerAid, Gatorade, etc)
  • Fruit Juice
  • Pop
  • Other

Vote